Come funziona la magnetoterapia?

La magnetoterapia stimola la rigenerazione delle nostre cellule sfruttando i benefici prodotti dai campi magnetici.  
E' quindi utile in caso di dolore muscolare, osteoporosi o in presenza di fratture che faticano a rinsaldarsi. Ma è utile anche per osteoporosi e dolore muscolare. 
Il suo utilizzo si è diffuso a scopo curativo e riabilitativo.

Come funziona la Magnetoterapia?

La magnetoterapia cura la patologia sfruttando i campi magnetici. Il principio è una bobina di filo conduttore avvolto a spirale stretta che, percorsa da corrente, genera un campo magnetico la cui frequenza varia da da pochi hertz a qualche migliaio.
Si sceglie la frequenza in base alla patologia da curare: le basse frequenze stimolano l’attività biologica dei tessuti, mentre le alte procurano anche effetti analgesici.
La carica elettrica presente nelle nostre cellule sembra indebolirsi in presenza di disturbi, ecco che gl impulsi elettromagnetici favorirebbero una ri-polarizzazione della membrana cellulare. 
Le onde prodotte da questi apparecchi non sono invasive e non vengono assorbite dagli organi o dai tessuti.
Sono quindi prive di ogni rischio.
funzione della magnetoterapia

A cosa serve la magnetoterapia?

La magnetoterapia può intervenire in caso di stati infiammatori, dolore, disturbi articolari o reumatici, distorsioni, ernie, artrite, osteoporosi, artrosi, vene varicose, mal di schiena, ulcere da decubito, epicondiliti. La magnetoterapia può infatti esercitare anche un'azione antinfiammatoria e antidolorifica, rende più efficiente la circolazione sanguigna, favorisce la cicatrizzazione e la calcificazione.

Ma la magnetoterapia funziona?

Secondo molti medici la magnetoterapia a bassa frequenza non è efficace se eseguita una sola volta.
La magnetoterapia funziona se la si segue per un periodo di tempo prolungato con sedute giornaliere di almeno un'ora (per un massimo 3 ore al giorno intervallate da almeno due ore di pausa).
Studi e le sperimentazioni scientifiche indicano che non si possa considerare, da sola, una cura risolutiva.
E' opportuno avvalersi sempre di un consiglio medico e associare la magnetoterapia con on altre terapie:se i tempi di recupero siano comunque lunghi la magnetoterapia, se ben eseguita,  è in grado di dimezzarli.

Magnetoterapia, controindicazioni

E' sconsigliata in presenza di pacemaker o altri dispositivi, le onde elettromagnetiche potrebbero infatti interferire con il loro corretto funzionamento. 
Non consigliata in caso di gravidanza, allattamento non o in presenza di malattie cardiache, tumori e ipertiroidismo.
 

Guarda i nostri migliori prodotti per la Magnetoterapia

la magnetoterapia funziona

 




Vuoi maggiori info? contattaci al nostro numero verde 800 178 179




Richiedi una consulenza



Leggi tutte le NEWS