La Trombosi Venosa

La trombosi venosa è una patologia diffusa e se diagnosticata prontamente può essere facilmente curata.
Solitamente siamo abituati ad associare la trombosi all'attività delle arterie, ad infarto ed ictus, ma anche nelle vene può formarsi un coagulo che, occludendo il vaso, porta al blocco della normale circolazione. 
É questo il caso della trombosi venosa, che va a colpire più che altro gambe o braccia.
calze antitrombo per trombosi venosa

Ci sono dei fattori di rischio?

Sicuramente dai 40 anni in su si entra in una fascia più esposta, ma possono esserci anche fattori ereditari, diabete mellito, problematiche relative alla coagulazione del sangue, gravidanze, scompensi del cuore o infarti miiocardici pregressi, traumi subiti o interventi chirurgici, alcune terapie ormonali e contraccettive, disidratazione e tutto ciò che può portare ad avere un sangue più viscoso.

Come si scopre?

Se la vostra gamba dovesse presentarsi gonfiori, dolori simili a crampi e arrossamenti, rivolgetevi immediatamente al vostro medico di base il quale potrà prescrivervi un ecodoppler venoso. Il nome potrebbe spaventare, ma è in realtà un esame molto semplice e per nulla invasivo. E' una semplice ecografia, ma la visualizazione di colori e segnali acustici permettono un'analisi dei flussi sel sangue. Altro esame utile è il test del D-dimero, utile per misurare la concentrazione del dimero D e quantifica l'attività del processo fibrinolitico e della trombosi vascolare.

Cosa fare per prevenire la trombosi venosa

Se pensate di essere soggetti particolarmente a rischio, il consiglio è di mantenere una regolare attività fisica, con esercizi giornalieri dedicati agli arti inferiori. 
Ogni giorno dedicarsi ad una camminata veloce, tenendo un passo vigoroso, quasi una corsa insomma.
Se fumate è tassativo smettere
Evitare l'alcol, mantenere una dieta equilibrata e bere molto, ma questo dovrebbe essere una regola a priori. 
Se siete in sovrappeso cercate, per quanto possibile, di ridurre il peso.
E' il caso di scegliere alimenti che non aumentino il tasso di colesterolo, preferire pesce e cibi ricchi di omega3, fibre integrali e cereali. Consultate un valido dietologo, avrete anche benefici generali sull'intero organismoEvitare di prendere il sole nelle ore più calde e in generale non mettere le gambe a contatto con fonri dirette di calore, come i caloriferi e le stufe.
In accorodo con il vostro medico, valutate una terapia farmacologica a base di anticoagulanti e soprattutto l'utilizzo di calze terapeutiche a compressione graduata

Alcuni fra i nostri migliori prodotti scelti per voi




Vuoi maggiori info? contattaci al numero 02 6173566




Richiedi una consulenza